mercoledì 12 maggio 2010

venerdì 12 marzo 2010


Quando il bambino era bambino,
se ne andava a braccia appese,
voleva che il ruscello fosse un fiume,
il fiume un torrente,
e questa pozza, il mare.

Quando il bambino era bambino,

non sapeva di essere un bambino,
per lui tutto aveva un'anima
e tutte le anime erano un tutt'uno.

Quando il bambino era bambino,
su niente aveva un'opinione,
non aveva abitudini,
sedeva spesso a gambe incrociate,
e di colpo sgusciava via,
aveva una vortice tra i capelli
e non faceva facce da fotografo.

Peter Handke


lunedì 26 ottobre 2009

Viaggiatori

Pensiamo spesso che le cose siano per sempre. Io sono un fruitore convinto di questo pensiero.
Un po' perchè sono un eterno illuso. Un po' perchè non voglio vedere oltre il mio naso.
La realtà non è quella però e visto che anche io ogni tanto torno su questo pianeta, governato da leggi diverse da quelle che regolano il mio, piccolo e lontanissimo, sono costretto a piegarmi alla realtà delle cose. Stupito dalla forza di gravità che dove vivo io è 10 volte minore. Qui tutto possiede un peso maggiore ed è raro che la schiena non faccia male. Il tempo scorre irregolare e due anni durano una notte, mentre altri giorni durano all'infinito, giorni che vorresti trascorrere dormendo, perchè quando si dorme il tempo accelera e li consuma più in fretta.
Sono sceso solo per il tempo di perdere qualcosa di bello, come una fermata di metro. Buffo pensare a quando la metro fermava per farmelo trovare quel qualcosa.
Sono solo di passaggio.
Presto la mia astronave dovrà ripartire e forse questa volta non ritornerò più.

Siete già così lontani.

domenica 26 luglio 2009

In fondo basta poco.


Gli ingredienti sono semplici e li potete trovare in qualsiasi supermercato.
Ocorre un'autostrada, un'auto, un bel fine settimana da cui tornare, un po' di solitudine, un album degli Smiths (nel mio caso The Queen Is Dead), una spolverata di sole che rende rosse le nuvole al tramonto e dell'aria estiva.
Se miscelati con le giuste misure, può venire fuori un viaggio gustosamente malinconico ma non triste. Di quelli che si vorrebbe condividere con qualcuno ma nel momento in cui non si fosse più soli, la magia del momento verrebbe meno. E quindi va bene così. Lo condivido a posteriori con te che stai leggendo.
Guarda che lo so che succede anche a te di tanto in tanto, ragazzo...

mercoledì 22 luglio 2009

Strano ma...


...è così.
Scrivo per me in questo istante, sicuro del fatto che nessuno leggerà queste righe, se non per sbaglio, fra molto tempo.
E' strana anche quest'esigenza nel farlo, non perchè qualcuno possa spendere qualche istante del proprio prezioso tempo in questo mio spazietto intimo. Più che altro è per la possibilità che questo accada. Ma non deve per forza succedere perchè io mi senta già appagato.
Immaginate di poter spedire nell'etere un messaggio, qualsiasi esso sia, magari una canzone che amate, una frase importante del vostro fidanzato, un pensiero partorito in una sera solitaria, una frase sentita in un film che vi ha commosso e avreste voluto scrivere voi, e che questo possa girare all'infinito sopra le nostre teste, nell'aria che respiriamo e che potenzialmente possa passare inavvertitamente attraverso le orecchie di qualcuno per essere così finalmente (o anche no) udito. E' affascinante. E ti fa stare bene. Ti libera di qualcosa che avevi dentro e che pesava molto più dell'aria che esso sta attraversando in questo preciso istante, come una meteora luminosa che non si esaurisce però.
Così posso spedire nell'etere l'idea della possibilità di spedirvi un messaggio senza però farlo davvero...o magari lo sto facendo.
In ogni caso sto già meglio.

lunedì 15 dicembre 2008

Mi piacciono i film anni '50

Non è un segreto.
Le storie erano semplici. Le battute brillanti e divertenti. Gli attori bravi, carismatici, con problemi di cuore e non di invasioni extraterrestriali o roba simile. No, lasciate perdere il film di Sex & The City, io sto parlando di qualcosa che non ti sentiresti in imbarazzo di definire, anche in pubblico, come un "film".
E poi le musiche. Spesso si trattava di film musicali, ora come ora odiati dalla stragrande maggioranza della popolazione maschile eterosessuale e da buona parte di quella femminile sotto i 30.
Io li adoro.
Ed adoro anche Woody Allen. Lui probabilmente si rende conto dell'importanza della mia venerazione nei suoi confronti e quindi nel 1996 decide di girare un film con gli stessi canoni di un film anni '50. In mezzo c'è la sua solita ironia e quasi tutti gli elementi psicotici che caratterizzano i suoi personaggi, così come c'è la solita e meravigliosa New York, accompagnata per l'occasione anche da Venezia e da Parigi.
Sono un romantico, a modo mio...o forse solo idealmente. In ogni caso, la scena finale del film, girata in riva alla Senna, mi ha fatto venire qualche brividino.
Tutti dicono I love you...


Come direbbero i Beatles...

....HELP!
Voglia zero di cercare i regali quest'anno (strano perchè io sono un Babbo Natale magro, sin da bambino) e ancor meno della voglia ci sono i soldini.
Le letterine di Natale potreste spedirle a me per questa volta, così lo sbattimento nella ricerca dei doni sarà meno doloroso, purchè però non superiate la soglia dei 4 euro e 50, se possibile.
Tipo un pacchetto di sigarette, delle caramelle gommose della Haribo, o una bottiglietta di Coca-Cola.


In ogni caso durante l'ultimo Natale davvero bello che ho trascorso, se accendevi la televisione potevi veder passare questa pubblicità:



Cos'erano, due o tre anni fa????
Seee, come no...


martedì 9 dicembre 2008

Top 10 del 2008

Come ogni buon appassionato musicale, anche io non voglio essere da me no dei vari Rumore, Blow Up, Buscadero e chi più ne ha più ne metta.
Quindi ho deciso di stilare la mia personalissima top ten, in ordine assolutamente casuale (sarebbe troppo complicato altrimenti affibiare ad ogni album la giusta collocazione), di quelli che io reputo le migliori uscite dell'anno che si appresta a tramontare.


Tv On The Radio "Dear Science": semplicemente fighissimo.
The Black Keys "Attack & Release": date loro una chitarra ed una batteria e lasciateli fare.
Movie Star Junkies "Melville": Torino riesce sempre a stupirmi in qualche modo.
Glasvegas "Glasvegas + A Snowflake Fell (And It Felt Like A Kiss)": album nella versione deluxe natalizia, con in aggiunta un mini album registrato in Transilvania per gli amanti dello shoegazing malinconicamente di Natale. Ottima strenna.
The Last Shadow Puppets "The Age Of The Understatement": dal giorno in cui l'ho comprato non sono più riuscito a toglierlo dal piatto. Maledettamente 60's.
Congregation "Congregation": scoperto negli ultimi giorni (anche perchè uscito da poco). Una sorpresa incredibile. Delta blues scarno ed essenziale.



The Raconteurs "Consolers Of The Lonely": side project della metà maschile dei White Stripes. Album di vero rock'n'roll col bollino.
The Jim Jones Revue "The Jim Jones Revue": se vi piace una versione urlata e selvaggia di Jerry Lee Lewis che si azzuffa con Elvis ed i Sonics, non fatevi scappare questa chicca.
The Sugars "The Curse Of The Sugars": ragazzi d'altri tempi questi. E che tempi.
The Mojomatics "Don't Pretend That You Know Me": un duo veneto dal tiro micidiale.



Come "bonus album" inserisco Micah P. Hinson "Micah P. Hinson and The Red Empire Orchestra" che ha saputo regalarmi emozioni indescrivibili. Uno dei dischi più belli non solo di quest'anno.
Spero di non aver dimenticato nessuno.

martedì 18 novembre 2008

Chiedete la remissione dei vostri peccati...


In questi giorni sento particolarmente la mia parte spirituale.
E prego molto.
Amen.

lunedì 10 novembre 2008

E' strano...

...come a volte si possa essere il contatto con la realtà di alcune persone.
Io che sono uno che sogna ad occhi aperti e chiusi.
Io che rimango a bocca aperta di fronte ai cartoni animati.
Che spendo gli ultimi 10 euro in caramelle gommose alla bancherella.
Che vivo su un pianeta tutto mio, che non è nemmeno questo posto così felice come si potrebbe pensare...dove però non mancano le canzoni che commuovono.
Che arrivo a casa ed ascolto "There's a light that never goes out" degli Smiths a ripetizione sino a che il vinile non fuma.
Che mi sbronzo a wiskie e penso che potrei andare a Berlino ad aprire il mio negozio di dischi.
Che bestemmio come un animale e poi finisco col sedermi nell' ultima panca del duomo durante i pomeriggi in cui piove a dirotto.
Vorrei che le persone non mi prendessero sul serio. In fondo non sono che un essere umano come tutti.


"[...] Portami fuori stasera,
Oh, portami ovunque, non mi importa,
non mi importa non mi importa.
Guidando nella tua macchina
io non voglio più tornare a casa
perchè non ne possiedo una...
Oh, non ne possiedo una.

C'è una luce che non si spegne mai
c'è una luce che non si spegne mai
c'è una luce che non si spegne mai
c'è una luce che non si spegne mai
c'è una luce che non si spegne mai [...]"




venerdì 31 ottobre 2008

Io c'ero...

...Movie Star Junkies @ Velvet Club (Torino), 12 Ottobre 2008.


Se scorgete qualcuno a torso nudo che poga o è La Nonna o sono io.
Qui qualche foto acida ad opera de La Nonna: http://www.flickr.com/photos/piccolefotointroverse/

It's a long way to the top...

lunedì 6 ottobre 2008


Sono il Re.
Io non posso morire.
Venite a cercare la mia tomba...portatemi dei fiori e pregate per me.
Intanto io mi ci pulirò il culo.
Se invece mi amate davvero, scendete all'Inferno con me.
Questa è la mia casa.
Io non posso morire.


Dead Elvis & His One Man Grave "Shake!"

mercoledì 1 ottobre 2008

Primo giorno...

...di cassa integrazione.
Si, perchè dopo un po' che di soldi ne butti nel cesso, questi finiscono e si ricorre ai salvagenti.
I salvagenti sono  quelli che in un certo senso lo sono sempre stati, chi lavora sodo per pochi euri di m&rd@ e dal "basso" delle proprie conoscenze vede nitidamente e fiuta come un segugio la futura carcassa senza vita di quello che un tempo è stato il suo lavoro.
Fa niente, intanto ho i miei progetti in testa e nel cuore. Questo è solo un motivo in più per seguirli e concretizzarli.
Quello che vuole essere il vero punto nevralgico di quello che sto scrivendo non è tanto la critica (tra l'altro inutile come un sedere senza buchi) a qualche getione assurda di denaro, quanto alla strana sensazione che si provi in una giornata come questa.
Non è come stare male e telefonare al lavoro dicendo che si è impossibilitati a lavorare perchè additati come untori di patologie mortali. E' una sorta di limbo emozionale. Non si è felici perchè tutti gli sforzi fatti in passato stanno lentamente andando con le prostitute. Non si è infelici perchè di fondo ora si ha il tempo da dedicare alle proprie cose e ci si rende conto che il lavoro ci deruba del tempo per vivere, per fare ciò che davvero amiamo fare. Il terreno ci si sgretola da sotto i piedi, ma la sensazione è quella di precipitare molto lentamente, come appesi ad una bolla.
Sono cose difficili da spiegare, un po' come dopo una gran litigata, ci si riappacifica ed il tempo trascorso insieme da quel momento per le ore successivè è un tempo ovattato, dove il profumo dell'altra persona è differente, accarezzarla è differente, guardarla è differente. 
Qui piove ed il cielo è nero come la notte, ma all'orizzonte il sole filtra ed illumina i tetti delle case. E' comunque strano.
Mi dicono "Hey dude, non sei solo, anche io marcisco come te...". Io rispondo altrettanto.
Lo sappiamo entrambi. 
Ed anche questo è strano.
Come questo post.

Date un'occhiata a Frequenze Indipendenti che ci sono, in mezzo alle loro cose sempre valide, un paio di cosette mie nuove nuove.
Ora vado perchè sono molto impegnato. Vado a mettermi su un disco.

venerdì 26 settembre 2008

Dormire fa male.


Si, deve essere per forza così.
Visto che in media dormo 6 ore a notte e sono mediamente rincoglionito e stanco durante il giorno, ma ieri, in preda ad una stanchezza epocale ho optato per il lettone. Ore 23 ero sotto le coperte che ronfavo amenamente. Ore 6:45 suona l'allegra sveglia.
Si, insomma, 7 ore e 45' non sono affatto male. Oggi sono una merda.
Di malissimo umore e disintegrato come dopo una partita contro i New York Giants senza casco e protezioni.
Per la cronaca, hanno vinto i Giants.

P.S.
Il buon Gas mi ha gentilmente concesso un DVD con tutta la seconda serie di uno dei telefilm più belli che siano mai stati trasmessi: Un Medico Tra Gli Orsi.
Ne ho già una scimmia che la metà basta.
Altro che Doctor House, C.S.I. e cagate del genere...Northern Exposure rules. Punto.


lunedì 22 settembre 2008

martedì 16 settembre 2008

C'è chi sostiene che dovrei vergognarmi di aver comprato delle scarpe di vernice, rosse.
La gente certamente si gira ad osservarti e commentare a bassa voce, nemmeno fosse qualcosa di eccezionale. Poco male.
Ma come già mi ero espresso tempo fa, il rosso cela un simbolismo ricco di significati. Come ogni altro colore del resto...solo che io preferisco il rosso. Semplice questione di gusti, niente di più, niente di meno.
Mi è sempre capitato di associare involontariamente un colore ad ogni cosa, anche immateriale, che quindi un colore non potrebbe possederlo. I numeri hanno un colore, così come i nomi delle persone, come le idee, le canzoni.
Miles Davis nel 1958 pubblicò un album intitolato Porgy and Bess, tratto dall'opera omonima di George Gershwin.
Di questo disco fa parte I Loves You, Porgy, la sintesi, secondo la mia modesta opinione, di come dovrebbe essere una canzone d'amore.
Sottovoce.
I Loves You, Porgy sembrerebbe, ad un ascolto distratto, intensamente blu, come la notte in collina..senza la luna.
I Loves You, Porgy è rossa invece
Intensamente rossa.

Di vernice rossa.

Boomp3.com

martedì 9 settembre 2008

Gift!


Woody Allen vi ha invitati a cena a casa sua, un bell'attico a Money Makin' Manhattan.
Niente di ufficiale, soltanto una serata tra vecchi amici...due chiacchiere, due bicchieri di vino, un paio di barzellette sporche, qualche freddura sugli ebrei...i suoi ed i vostri progetti in corso.
Woody sta lavorando al prossimo film, ma gli manca l'ispirazione per un finale come dice lui...ultimamente soffre di insonnia perchè sogna continuamente sua madre che lo insegue con un clistere gigante. Poi si ostina ad ascoltare Wagner, nonostante sia cosciente del fatto che niente lo innervosisca più di Wagner. Avrebbe bisogno di qualcosa di più, come dire, nelle sue corde.
A questo punto entrate in gioco voi.
Mai andare a cena da qualcuno senza un petit cadeau. Avevate pensato ad una bottiglia di buon Traminer, ma l'altro nome che possiede questo vino, Gewurztraminer, gli ricorda tremendamente Wagner, il quale era dedito ubriacarsi pesantemente con questo vino durante la composizione di Der Ring des Nibelungen. E la cosa non sarebbe stata carina.
Allora avete optato per un disco, uno di quelli che sarebbe stato felice di ricevere e che avrebbe spodestato la supremazia del crucco al controllo del lettore cd.
Che disco gli avreste regalato?
Io di sicuro questo:


HERBIE HANCOCK "A PRAYER CEREMONY in JAZZ"

Clicca sull'immagine per il download (ma se lo compri mi fai un piacere).
Qui la recensione.
Finalmente Woody riuscirà a finire il suo film.

lunedì 8 settembre 2008

Consigli per gli acquisti.

Come direbbe il "buon" Costanzo.
Oggi esce ufficilamente l'album che tanto stavo attendendo: i Glasvegas, con l'album omonimo.
Nella speranza che la SonyBMG gli conceda una distribuzione anche qui in Italia, altrimenti fate come me che l'ho acquistato direttamente dall'UK, e fate prima.
Se siete curiosi (e spero lo siate) ascoltatelo nella solita sezione a destra dello schermo, la ghiotta "Sto ascoltando...", poi, una volta appurata la qualità, ve lo comprate. E non fatemi girare le b@\\e, maledetti pirati distruttori del mercato discografico. ;)
Altro piatto succoso è il trio Kitty Daisy & Lewis, se vi piace il rock'n'roll vecchia maniera, con brillantina e contrabbassi come se piovesse. Mooooooolto interessante. Parola mia.
Un dù trì, ùn dù trì...



giovedì 4 settembre 2008

Nel 1950...

...sarei stato così:



E se invece fossi stato donna, nello stesso anno?
Beh, semplice...così:


Mio Dio.

mercoledì 3 settembre 2008

Plagio o sol contagio?


Che i Jet non brillassero per originalità è sicuramente fuori discussione.
Grazie al buon amico Andrea, proprio ieri mi sono accorto di un furtarello (chiamiamolo così...magari non se ne sono accorti! Seeee, come no...) ad opera dei Nostri, nei confronti di un certo Sig. Iggy Pop, pensando che probabilmente lui, avendo a disposizione un caricatore pieno di colpi da sparare, non si sarebbe accorto della cosa, o comunque non l'avrebbe minimamente scomposto.
Fatto sta che l'attacco di batteria è identico. Per il giro di basso vale lo stesso discorso. Chitarra idem. Non so, poi magari sembra solo a me...

L'originale, del 1977:
Boomp3.com

La traccia dei Jet, del 2003:
Boomp3.com


venerdì 29 agosto 2008

Ad occhi chiusi...

Metti a posto i dischi, ne compri di nuovi, ne ascolti alcuni, di altri cambi ubicazione. Finisci con il ritrovarti, in due espositori affiancati, due copertine.
Ho sorriso stupidamente.


Charlie Mingus "Cryin' Blues" (da "Blues & Roots", 1959)
David Bowie "The Jean Genie" (da "Aladdin Sane", 1973)

martedì 26 agosto 2008

Verso la fine...

...di queste tanto agognate quanto rapide ferie.
Sono rimasto in modalità invisibile per un po', ma è quasi tempo di ritornare alle vecchie e sane abitudini di sempre.
Questo periodo estivo ha portato con se qualche bagnetto in piscina, un gran bel fine settimana alle Cinque Terre, una sbronza colossale come non ne prendevo da tempi immemori, un sub-woofer, uno spolverino scontato del 70%, il solito pacchetto di dischi, tra pesanti vinili da trasportare in treno e cd in offertissima, qualche bruciatura sulla pelle, risate e, come se non bastasse, anche del lavoro.
Ma non mi lamento.


( <---Marco a.k.a. Recca & Mr. Marti---> )
@Moleto a.k.a Molesto
Photo by Dellis with his iPhonzie
Birockenroll!

lunedì 28 luglio 2008

Chiedo scusa...

...se manco da parecchi giorni, ma il tempo è tiranno, specialmente quando si ha un lavoro che per un motivo o per l'altro non permette di fare quello che si vorrebbe.
Nessuna particolare novità da queste parti, e nemmeno troppe cose da scrivere.
Molti amici mi chiedono se io stia continuando a collaborare nel mio piccolo con Frequenze Indipendenti. A tal proposito vi lascio i link alle cose che mi hanno pubblicato, consigliandovi però di dare un'occhiata quotidianamente, se volete ottimi consigli musicali e non soltanto.

N.E.R.D "Seeing Sound"
The Great Otis Redding Sings Soul Ballads
Frequenze Fashion News
Please Cover Me pt.3
L'Angelo con il Fonografo
Battiti da Dancefloor
A Rebel Without a Cause

Questo è quanto.
Più che altro per farvi sapere che comunque sono ancora vivo e vegeto, e che tra un mojito e l'altro cercherò di trovare il tempo per rompervi le palle!
Con affetto ed immutata stima, il vostro Marco.

venerdì 4 luglio 2008

Madeleine...


Pochi giorni fa stavo leggendo un bel libricino, una biografia di un jazzista italiano.
L'autore del libro cita un disco del sopracitato jazzista come la sua personalissima "madeleine", con la particolare accezione proustiana.
Il senso era quello di risveglio di un ricordo lontano, spesso legato alla nostra infanzia, che un sapore (proprio come quello delle madeleine, dolce tipico del nord della Francia) o un profumo riescono a destare. Un attimo soltanto è il tempo richiesto perchè questo misterioso meccanismo si inneschi ed inesorabilmente ci costringa ad affondare nel ricordo, come in insidiose sabbie mobili.
Dimenarsi è soltanto peggio.
Lasciamoci andare una volta, senza fuggire come al solito...sprofondiamo e se necessario muoriamo di nuovo. Avremo una vita più interessante da raccontare ai nostri nipotini.
Questa mattina mi sono svegliato nel mio lettone. C'era stranamente un'aria fresca che entrava dalle finestre. Se la notte è silenziosa, il mattino è la parte del giorno più delicata per i rumori. Così dalle stesse finestre da cui entrava l'aria, sono venuti a darmi il buongiorno gli urletti striduli delle rondini.
Avevo poco più di 6 anni e spesso passavo intere giornate estive in compagnia dei miei nonni. Loro hanno sempre (da che ho memoria io) abitato in centro, qui a Casale Monferrato. 25 anni fa le rondini riempivano il cielo con i loro inconfondibili profili. Il loro era il suono che mi accompagnava in via Trevigi, o in via Saffi, per mano a mio nonno, a comprare qualcosa al mercato di piazza Castello...o a fare qualche lavoretto nel suo laboratorio, sopra la sagrestia della chiesa di S.Caterina.
Le madeleine giocano sul pericoloso equilibrio che rimane tra i bei ricordi e la nostalgia, ogni tanto un po' dolorosa.
Chissà quante madeleine avrete voi...


[...] in una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè. Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo. Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito resi indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa [...].
Marcel Proust

martedì 24 giugno 2008

Fa caldo pt.3...ma non abbastanza!

boomp3.com
Si conclude qui l'avvincente trilogia della caldazza con l'episodio finale che cela un colpo di scena a dir poco incredibile.
Il protagonsta (io) bello come un adone è pronto a combattere il suo acerrimo nemico (la caldazza) a colpi di "piscina in pausa pranzo".
Tutto è pronto...lui è vestito a puntino, con un costume nuovo fiammante e le infradito che porta addirittura sul lavoro, fottendosene di colleghi e clienti.
L'ora fatidica (tipo quella in cui sto scrivendo) si avvicina al galoppo.
La caldazza sembra avere il sopravvento sul bel protagonista quando...
...
...
capisce che lui le sta preparando un "tracobbetto" (citazione da esperto cinefilo) ed allora la caldazza cosa fa?
Sparisce...si, diavolo...SPARISCE!
E lascia posto a nuvoloni che a questo punto della storia soprannominerei come "i nuovi amici della caldazza che s'inculano il Marco quando vuole andare in piscina".
Come si conclude la trilogia?
Semplice...così:

lunedì 23 giugno 2008

Fa caldo pt.2

Oggi fa più caldo di venerdì.
Sono sempre più convinto che l'estate sia il periodo dell'anno più stupido se si è costretti a lavorare e non si è al mare.
Bruno Martino aveva proprio ragione...per un sacco di motivi.


venerdì 20 giugno 2008

Fa caldo.

Ci sono già le zanzare.
L'umidità è alta.
L'estate è una merda.

mercoledì 18 giugno 2008

Ricordati di sognare sempre

boomp3.com

Vieni c'è una torta in cielo
in panna e cioccolata Le zebre ci camminano fumandosi un buon sigaro Tu mi guardi da una nuvola e mi dici "Oggi il sole è nero" (è nero) Missili di pane su, nel cielo marmellata Un generale in ansia travestito da pirata Tu mi sorridi in volo e dici "Amore, oggi il sole è proprio nero" (è nero) Sognare, sognare Insieme, insieme Sognare, sognare... Baci di farfalle e noi vestiti di rugiada Seduto su un divano guiderò un sottomarino Chissà dove finiscono tutti i sogni che ho sognato Ma Chissà dove finiscono tutti i sogno che ho sognato Chissà dove finiscono... Chissà dove finiscono...



Le persone grandi spesso smettono di sognare, o forse si dimenticano come si fa.

Diego Mancino "Una Torta in Cielo" mp3, tratto dal suo nuovo album "L'Evidenza" (Radio Fandango, 2008)

martedì 17 giugno 2008

Io sono rockabilly.

boomp3.com

Lo dimostro anche nei sogni.
Questa notte sognavo di guardarmi allo specchio, di avere i capelli molto più lunghi di come li porto ora.
Estraevo un pettine dal taschino destro della mia camicia e mi pettinavo. Accompagnavo la mano destra che stringeva il pettine con quella sinistra, riproducendo il classico movimento di bullo da fast food che si aggiusta la chioma.
I miei capelli erano brillanti e perfetti.
Io avevo uno sguardo tra il duro ed il soddisfatto, di chi si ama di una amore che definirlo narcisistico sarebbe soltanto riduttivo.
L'effetto era tipo questo qui:


Sto valutando l'opzione di farli crescere un po'...magari mi prendo una bella moto...o meglio, una Cadillac.
Gli occhiali da sole già li indosso...anche di notte...

Elvis Presley "King Creole" mp3

P.S.
Chi indovina la canzone del player all'inizio del post vince un giro con me sulla mia Cadillac, se è una bella fanciulla...altrimenti, nel caso di un maschio, avrà l'onore di sfidarmi ad una gara di velocità su due bolidi o ad una sfida con coltelli a scatto.
Dai che è facilissima...

giovedì 5 giugno 2008

Sono "solo" novità...

...o piacevoli sorprese.
Come ritornare da un fine settimana strepitoso in una città unica come Parigi. Avere avuto un tesoro di cicerone preparatissimo che mi ha portato "di qua" e anche "di la"...nemmeno fossi stato io a meritarmi quel week end.
Come trovare, assolutamente per caso, un negozio di dischi usati ed essermi potuto aggiudicare due cofanetti in vinile a prezzi stracciatissimi (Fred Astaire Original Recordings 1935*1940 CBS 66316 e Elvis Presley Greatest Hits su 7 e dico 7 vinili RCA). Non che abbiano un grande valore a livello di collezionismo, ma comunque 6 euro nel primo caso e 16 nel secondo sono davvero pochi, specialmente se paragonati agli 80 euro chiesti su ebay per il cofanetto di Elvis (appena controllato).
Come ricevere in regalo, dal suddetto cicerone, l'LP dei Working Week "Working Nights", metterlo sul piatto ed assaporarne dall'inizio le note di una cover incredibilmente bella di "Inner City Blues" del maestro Marvin Gaye.
Come pensare che FaceBook sia una cagata tutto tondo ed invece scoprire, un mattino di lavoro come tanti altri, che la fredda tecnologia a volte ci riporta al calore umano che si pensava perduto per sempre, dandoci la possibilità di riavvicinarci ad un vecchio amico al quale si pensava spesso, con l'amaro in bocca dei rimorsi.
Sono giorni dei quali non mi posso davvero lamentare...


mercoledì 28 maggio 2008

New collabo!


Amici cari, questo post per fare l'ennesima pubblicità ai ragazzi di Frequenze Indipendenti che da oggi ospitano ufficilmente sulla loro pagina una mia piccola collaborazione.
Onorato di essere stato da loro scelto come collaboratore, mi complimento per la mole di lavoro che riescono ad affrontare ogni giorno e per la qualità di ogni singolo articolo.
Bravissimi come al solito.
Se volete, questo è il mio contributo: http://frequenzeindipendenti.blogspot.com/2008/05/rebel-without-cause.html

Ci vediamo presto qui, e speriamo anche su Frequenze...

giovedì 15 maggio 2008

Looks like...pt.1

Nuova rubrichina intitolata "Looks Like..." , cioè "assomiglia a..."
Rubrica assolutamente inutile, del resto come quasi tutto qui dentro, però curiosa.
Non so quanto potrà avere un seguito, in quanto non gioco al giuoco delle somiglianze molto spesso, ma piuttosto mi capita di notarle, così, per caso.
Oggi abbiamo come ospite il buon Jarvis Cocker a.k.a. El Jarvo, ragazzaccio (classe 1963) di Sheffield, ex frontman dei bravissimi Pulp, gruppo del quale ha fatto parte (in qualità di tournista, se non erro) anche il mio amatissimo Richard Hawley e con il quale ha realizzato, nel 2003, un album pseudo-electroclash, un progetto strambo dal titolo "A Heavy Night With..." sotto lo pseudonimo di Relaxed Muscle, per la prestigiosa etichetta inglese Rough Trade.
Ad ogni modo, questo signore nel 1996, in occasione dei Brit Awards, durante l'esibizione di Michael Jackson, pensa bene di invadere il palco, calarsi le braghe e mostrare bellamente il suo posteriore, credo in segno di qualche protesta importantissima che adesso come adesso mi sfugge, a dirla tutta.
Notte al fresco.
Un bell'uomo che ha questa faccia qui:



Tornando a quello che era il reale argomento di questo post e cioè la somiglianza, io personalmente trovo che il nostro assomigli in maniera imbarazzante ad un noto Onorevole italiano, che non è per niente un "culattone raccomandato".
Voi che dite?
Lascio qui di seguito un video live (con l'amico R.H.) di un brano tratto dall'album di El Jarvo, l'unico sin'ora come solista, dal titolo "Jarvis", anch'esso per la Rough Trade, che potrete trovare per qualche giorno disponibile per il download sul lato destro del monitor.
Comunque sia, se siete troppo pigri per recarvi in qalche negozio di dischi, sempre sul lato destro del monitor, un po' più in basso, c'è una bella sezione con i collegamenti a negozi on line, che vi spediscono il disco di Jarvis Cocker direttamente in poltrona.
Fate come me, che spendo più denaro in dischi che in viveri e generi di primo sostentamento...

lunedì 12 maggio 2008

Dormi hai voglia di sognare...bimba fallo anche per me.


ORCHI E STREGHE SONO SOLI

Il giorno in cui sei nata sai
Mi stringevi a te
Con calma come a chiedermi
Di non aver paura
Perchè i mostri sono soli
E si abbracciano al terrore
Che non fa non fa pensare
Che non hai vissuto mai
Vuoi tutto quel che c’è
Ricco esser re
E il re disprezza e stringe a sè
Quel che può perdere
Orchi e strehe sono soli
E non riescono a dormire
Fa paura puoi sognare
Che non hai vissuto mai
Orchi e streghe sono soli
Non verranno a disturbare
Orchi e streghe sono soli
E io invece ora ho te
Dormi hai voglia di sognare
Bimba fallo anche per me

Tratto dal nuovo album degli Afterhours, "I Milanesi Ammazzano il Sabato" (Universal 2008)

Afterhours "Orchi e Streghe Sono Soli" mp3

mercoledì 7 maggio 2008

Cita che ti ricita...

"Lo sai che non posso ascoltare troppo Wagner... sento già l'impulso ad occupare la Polonia!"


Woody Allen, da "Misterioso Omicidio a Manhattan" del 1993.

mercoledì 30 aprile 2008

Buon viaggio...

Non è la mancanza di un foglio di carta che implica la mancanza di cose da dirti.
Alcune le sai. Altre forse le immagini.
Mi conosci oramai e sai quanto io sia silenzioso....
...anche quando non vorrei.

Buon viaggio baby...




I dingo sanno aspettare.

lunedì 21 aprile 2008

Ci sono volte che...

...compri un disco, quasi a scatola chiusa.
Ne hai letto bene...molto bene. Ma ne hai ascoltata una traccia, forse...e di sfuggita per di più.
Ma ti vuoi fidare lo stesso e ti giochi ai dadi 'sti 20 euro.
Arrivi a casa, lo metti su e...BANG!
Colpo di fulmine assoluto.
Amore, con la A maiuscola.
Sto parlando dei The Last Shadow Puppets e del loro primo album "The Age Of The Understatement".

Per una recensione meritevole di tale nomea rimando ai cari amici di Frequenze Indipendenti che non sbagliano un colpo... 'sti cecchini.
Per qualche giorno sarà disponibile nella sezione "Sto ascoltando" alla destra dello schermo. Però voi compratelo come ho fatto io. Altrimenti finirete per forza di cose all'Inferno, dove sarete costretti ad ascoltare a ripetizione tutti gli album (uno? Due?) di Paolo Meneguzzi...tuuuuuutto il giorno...tuuuuuutti i giorni.

Per l'eternità.

lunedì 14 aprile 2008

Paris, je t'aime!


Chiedo scusa per la frequenza di aggiornamenti pressochè inesistente...per di più la presentazione del buon Della è andata quasi a vuoto, tipo come a Stranamore quando il buon Alberto Castagna (rest in peace) chiamava la persona convocata dal suo partner disperato lì in studio, le porte si aprivano e...
...
...non c'era nessuno.
Quante lacrime ho versato!
Purtroppo il Della è un lavoratore di quelli seri e la frenesia di questi giorni gli ha impedito di pigiare i tasti sul suo fido Mac. Pazienza, sapremo attendere.
Questo post vuole essere di segnalazione ad uno shop situato a Parigi, specializzato in oggetti per il piacere. In sostanza un sexy shop.

La differenza sostanziale sta nell'immagine del negozio e dei prodotti stessi più che nella natura degli oggetti.
Il colore rosa qui è dominante.
Ed anche l'eleganza.
Niente puttanoni siliconati, con le zeppe e lo smalto nero sulle unghie.
Un sacco di oggettini simpatici invece. Tra i miei preferiti, naturalmente svettano le manette in pelo rosa e la palettina a forma di cuore per sculacciare la tua bella fanciulla.

Non sono deliziosi?
Devo essere sincero, seppùr grande amante delle sperimentazioni, alcuni luoghi, come possono essere i classicissimi sexy shops, mi imbarazzano un pochino. Più che negozi di oggettistica mi sembrano un ricettacolo di maniaci sessuali o di burloni improvvisati organizzatori di addii al celibato.
Chi ha detto che qualcosa legato al sesso non debba essere anche elegante?
Ecco qui infatti la risposta: http://www.yobaparis.com/
Spero di poter visitarlo di persona prima o poi...Paris, e t'aime.

P.S.
Esitono anche utilissimi buoni regalo da donare a chi si vuole, di vari importi...peccato che il mio compleanno sia appena passato però...


lunedì 7 aprile 2008

Collaborations

Stendo il fatidico "red carpet" al nuovo socio bloggerista che mieterà vittime telematiche trasmettendo dalle frequenze di To The Bat-Mobile!
Bit impazziti come un'esplosione orgasmica si dipaneranno da qui...un cumshot globale di dimensioni apocalittiche!
Signori, a Voi il Della...


P.S.
Tra l'altro, chiamandosi costui con il mio stesso nome, anche l'indirizzo "urcamarco" è più che mai calzante...
Coincidenze o volere divino?
Mah...

martedì 1 aprile 2008

Un bambino di 30 anni.

Se da un lato questi 30 anni un po' mi danno modo di pensare, come se dovesse essere una sorta di checkpoint temporale, dall'altro invece mi permettono di essere un po' bambino e di godermi il momento, come si faceva quando si era piccoli. E' bello e strano sentirsi ancora coccolati quando ormai, almeno anagraficamente, si è adulti. Io ho la fortuna enorme di avere accanto un manipolo di persone alle quali, oramai, sarebbe difficile dover rinunciare. E questa cosa ha fatto in modo che sabato venissi festeggiato come credo non mi sia successo negli ultimi, direi, 15 anni...o giù di lì.
Al di là del regalo che, a dirla tutta, non potevo immaginare e che non credo davvero di meritare (ma per questo dovete aspettare ancora un pochino), il fatto che si fossero sbattuti per organizarmi una cena ed esserci e insomma, avete capito, dai. Son cose che fan bene al cuore.
Comunque, tornando alle cose prettamente materiali, una fanciulla, oltre ad un regalo consegnatomi in anticipo, mi porterà ad un concertino al quale stavo già pensando da qualche dì:



Da adolescente rock addicted quale sono, di certo ci sarà da saltare parecchio.
Come se questo non fosse sufficiente, il caro "manipolo" si è prodigato nel regalarmi un oggetto al quale stavo anelando da mesi ormai, sbavando come un cane idrofobo sul sito della casa produttrice. Qualcuno deve aver fatto la spia a qualcun'altro che a sua volta deve aver organizzato un vero complotto. Insomma, un'imboscata, come non mi accadeva dai tempi del Vietnam. Quindi, questi "Charlie", a fine cena se ne escono con un pacco che non so perchè mi ricordava l'enorme scatola dei rollerblades di mia sorella (o forse ero io ad essere piccolo...).
Già contento di poter finalmente organizzare dei Roller Disco Parties, aprendo la scatola il mio cervello rimane per qualche secondo senza ossigeno, causandomi purtroppo danni irreparabili, ed il flusso sanguigno concentrato nella zona del basso ventre. Insomma, non sapevo esattamente se morire di collasso o avere un orgasmo.



Ho optato per l'orgasmo.
Grazie ragazzi.
Senza parole.

venerdì 28 marzo 2008

Tanti auguri a...

...ME!
Ah ah ah! Che bello...sto diventando un vecchiardo maledetto!
Domani ne avrò 30 tondi tondi. Se cerco di ricordare quando, con una ventina di anni, immaginavo come sarei stato a 30, beh...diciamo che nella mia fantasia non ero esattamente come in realtà sono adesso.
Poco male...o molto male. Chi lo sa.
Comunque le mie feste di compleanno sono l'evento dell'anno.
Non ci credete???
Allora vi metto qualche fotografia di quella dell'anno passato!


La mia dj di fiducia...ok, è vero, ha qualche problema con l'alcol. Ma le si perdona questo ed anche il fatto di aver vomitato sul mio gatto (in movimento!)


Il mio professore di filosofia, prof. Bosso (a sinistra, lui non manca mai ai miei party) insieme al mio compagno di caccia alla volpe, Mr. Windsor.


Enrica che fuma il calumè della pace.


Mio cugino Salvo (a sinistra) e il caro vecchio GianniColCappuccio (a destra), campione europeo di calciobalilla.


Tatiana che ha bevuto troppo (diventa insopportabile! Ci prova con tutti...ma io non ci sono mai stato. Tiè!)


Visto?
E questo non è niente.
Se volete vedere le raccolte delle mie feste più belle, andate sul sito http://www.lastnightsparty.com/

Come diceva qualcuno...provare per credere!